Funghi di frolla – senza glutine

Funghi di frolla – senza glutine

INGREDIENTI

  • 2 uova

  • 80g zucchero

  • 80ml olio di semi

  • 90g fecola di patate*

  • 200g farina di riso*

  • 3 cucchiai d’acqua

  • 100g zucchero

  • 1 cucchiaino di cacao amaro in polvere*

  • 50g cioccolato fondente*

  • Semi di papavero q.b.

PROCEDIMENTO

Lavorate le uova e lo zucchero con una frusta a mano. Aggiungete l’olio ed infine la fecola e la farina. Impastate bene con le mani fino a quando otterrete un panetto liscio ed omogeneo.

Dividete il panetto in due parti uguali. Dal primo staccate delle palline di impasto medie ed arrotolatele bene con le mani. Al centro di ognuna di esse, formate un piccolo buco ed adagiate all’interno una pallina di carta stagnola senza premere troppo. Appoggiatele sulla teglia ricoperta di carta da forno con la parte del buco rivolta verso il basso.

Dall’altro panetto, staccate altre palline con le quali formerete dei cordoncini più spessi su un’estremità e più sottili sull’altra. Questi saranno i gambi dei funghi. Cuocete il tutto a 180° per circa 10 minuti fino a doratura. Lasciate raffreddare completamente e poi estraete le palline di carta stagnola.
Sciogliete il cioccolato fondente a microonde e con questo riempite il buco precedentemente fatto nei cappelli dei funghi. Ora, adagiate il gambo dalla parte più sottile nel e riponete in frigorifero per 30 minuti in modo da incollare le due parti.

Nel frattempo, in un pentolino potate a bollore l’acqua e lo zucchero. In una ciotolina a parte, versate una manciata di semi di papavero. Riprendete i funghi dal frigorifero ed immergete il gambo nello sciroppo e passatela poi nei semi di papavero. Allo sciroppo avanzato aggiungete il cacao amaro ed immergete il cappello del fungo all’interno. Fate asciugare ed i vostri funghi sono pronti.

Nota: si raccomanda di acquistare i prodotti segnalati con un asterisco* solo se riportano la spiga barrata in confezione, certificati senza glutine e consigliati dal prontuario AIC Associazione Italiana Celiachia.